Nel mio quotidiano lavoro di marketer, spesso noto che a molti non è chiara la differenza tra Google ads e Adsense. Seppur le due piattaforme sono a tutti gli effetti comunicanti e complementari tra loro, c’è una grossa differenza e non vanno in alcun modo confuse come “identiche”. In questo articolo scoprirai perché!

GOOGLE ADVERSTISING (ADS)

L’abbreviazione “ads”, è facilmente intuibile, sta per advertising. Infatti, Google Ads è il servizio di google che vi permette di fare pubblicità nei risultati di ricerca google. Avete presente quando cercate qualcosa e il primo risultato ha la dicitura “annuncio”? Ecco, quella è una pubblicità Google Ads, come nell’immagine qui sotto.

Tutto qui? Assolutamente no. Ridurre Google Ads a questa definizione è paurosamente riduttivo, in quanto la capillarità di questo strumento è molto, molto più profonda. Tramite Google Ads, è possibile:

  • Fare pubblicità nei risultati di ricerca Google
  • Pubblicare interruzioni pubblicitarie video su Youtube
  • Inserire annunci (foto e video) all’interno di siti web.

Ed è proprio in relazione a questo ultimo punto che entra in gioco Adsense.

GOOGLE ADSENSE

Partiamo da un presupposto: la pubblicità all’interno di siti web, portali, applicazioni mobile ecc… esiste perché, a monte di tutto, i proprietari di questi siti web decidono di mettere a disposizione uno o più spazi e adibirli a questo scopo.

Avete presente quando aprite un articolo e non riuscite a leggerlo perché c’è troppa pubblicità? Beh, il 99% delle volte è Adsense. Oppure quando state giocando a un applicazione mobile e ogni cosa che fate parte una pubblicità? Indovina indovina… è Adsense.

Ma in che modo ciò avviene?

Adsense è il ponte di collegamento tra chi vuole fare pubblicità su siti web e applicazioni, e chi mette a disposizioni suddetti spazi pubblicitari.

DIFFERENZA TRA GOOGLE ADS E ADSENSE

Facciamo un esempio pratico. Pino è proprietario di un e-commerce e vuole veicolarlo come una campagna che gli porti visibilità, facendo comparire il suo shop online su siti web e applicazioni. Andrà dunque su Google Ads e creerà una campagna Display (tipologia di campagna dedicata a questo posizionamento).

A questo punto entra in gioco Adsense. Gianluca è proprietario di un sito web dove pubblica articoli d’attualità e vuole monetizzarli offrendo spazi pubblicitari. Si iscrive dunque al programma Adsense e rende disponibile il suo sito web a ricevere pubblicità. In questo modo, Google Ads passa la creatività pubblicitaria di Pino ad Adsense, che la pubblica nel sito di Gianluca.

Ecco spiegata la differenza tra Google Ads e Adsense che sono, come dicevo, due siti comunicanti e complementari, ma NON IDENTICI!